Napoli. Street art. Banksy e compagni

Napoli sempre più bella, Napoli da vivere per strada dove restare a naso in su per godersi le opere di artisti che hanno dato un’anima nuova ai quartieri della città.

L’opera più conosciuta ed anche contestata: uno stencil di Banksy, il writer internazionale a cui ancora non si è data un’identità. Una delle ultime teorie sulla sua identità darebbe origini partenopee all’artista che qui a Napoli ha lasciato due opere. La prima, in via Benedetto Croce, una Beata Ludovica Albertoni del Bernini, rivisitata e corretta secondo lo stile del writer con un panino e patatine in mano – ahimè – è andata persa, coperta nel 2010 dall’opera di un altro writer.

La seconda la potete ancora vedere su un muro ormai scrostato di piazza Gerolomini, in pieno centro storico, ancora più dissacrante della prima, una denuncia in stile Banksy: la Madonna con la pistola, senza aureola e con lo sguardo afflitto verso l’alto, lì dove al suo posto c’è un revolver.167.JPG

Sbrigatevi ad andarla a vedere. Privati hanno apposto una lastra di plexiglass, altri ci hanno persino piazzato la pubblicità di una pizzeria. Resta il fatto che lo stencil del writer misterioso non sta affatto messo bene.

Nuova di zecca è invece l’opera di un altro artista, Jorit Agoch che ha lasciato sulle facciate di edifici in tutta la città ritratti eccezionali di personaggi famosi come Maradona e Fedez. I più belli? Quelli di gente sconosciuta…sono meravigliosi. Il più celebre e contestato è quello di Gennaro, nome speciale a Napoli, con l’aureola del Santo e i tratti di Gennaro, un amico operaio dell’artista.

173.JPG

Ma non finisce qui. Andate allo scoperta di altri writer. Zed a Ponticelli, Rosk e Loste, la dinamica Roxy in the Box e i suoi murales in piazza Camposanto. E ancora Francisco Bosoletti e il suo Parthenope, sui 15 metri della facciata di un condominio a Materdei, Cyop&Kaf ai Quartieri Spagnoli.

2 Comments on “Napoli. Street art. Banksy e compagni

  1. Grazie Benedetta, proprio non sapevo che tanti artisti di street art si fossero cimentati a Napoli. Siccome ci sono stata molti anni fa e molto di fretta dovrei organizzare un tour.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: