Palermo. Topazia Alliata. “La libertà era la scossa elettrica che accendeva la mia città interiore”

Sorrido mentre guardo la partecipazione di nozze di questa donna: lei e lui ritratti di spalle, nudi e seduti in riva al mare. Il matrimonio è stato celebrato nel 1935: lui è Fosco Maraini, lei Topazia Alliata. Per chiederla in sposa Fosco ha attraversato l’Italia in sella ad una motocicletta arrivando in Sicilia, lungo strade difficili e non ancora asfaltate, sino a Bagheria, a villa Valguarnera. Ad attenderlo c’era Enrico, il padre di lei, duca di Salaparuta, pacifista, amante dei discorsi del Budda e vegetariano.

Ripercorro la vita di questa donna eccezionale nelle sale della Fondazione Sant’Elia a Palermo, dove, sino all’11 gennaio, c’è una mostra dedicata a lei, “Topazia Alliata. Una vita per l’arte”. E’ morta l’anno scorso, a 102 anni. In una delle sale proiettano un’intervista girata nel suo appartamento a Roma, dove  nel 1959 è riuscita ad aprire una galleria d’arte. E’ bella anche da vecchia. Osservo i ritratti che le ha fatto Guttuso, coi capelli biondi, la pelle diafana, gli occhi chiari. Insieme, negli anni Trenta del secolo scorso, si cimentavano a ritrarre lo stesso ponte e lo stesso treno da angolature diverse ad Altavilla Milicia, vicino Palermo.

Artista, pittrice, gallerista e viaggiatrice. Col marito scalavano montagne  e vie alpinistiche cui diedero il loro nome. Poi l’Oriente, il Giappone con i tre figli Yuki, Toni e Dacia e lo “scontro” con la storia, quella macro. Rimasero in un campo di prigionia sino alla fine della Seconda Guerra Mondiale per non aver aderito alla Repubblica di Salò.

Ripenso a quante bottiglie di Colomba Platino ho bevuto d’estate con gli amici: un bianco siciliano delicato e raffinato. E leggo che a crearlo fu lei che seguì  la cantina Corvo di Salaparuta a Casteldaccia sino alla vendita, nel 1955. Imprenditrice e maestro assaggiatore dell’ordine nazionale degli assaggiatori vinicoli pure. Nello spazio di pochi metri riscopro una Sicilia d’eccellenze e di bellezza attraverso le mille vite di Topazia Alliata. Ritorno alla sua partecipazione di nozze, alla sua leggerezza e alle parole di Topazia Alliata affidate a Repubblica in un’intervista di qualche anno fa: “La libertà era la scossa elettrica che accendeva la mia città interiore” .

Topazia Alliata. Una vita per l’Arte. Fondazione Sant’Elia. Palermo. Sino all’11 gennaio

 

Un commento su “Palermo. Topazia Alliata. “La libertà era la scossa elettrica che accendeva la mia città interiore”

  1. Pingback: La Sicilia che incanta. Museo Guttuso a Bagheria – viaggimperfetti.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: