Frutta dal mondo. Draghi e serpenti

La prima da sinistra è la pitaya o frutto del drago. Zona di produzione sud est asiatico ma anche America Latina. Ha dei colori meravigliosi: di un fucsia acceso all’esterno che sembra velluto e una polpa bianca all’interno con tanti semini neri. Non è solo bello ma anche buono con un sapore tutto suo. Il secondo è il salak, prodotto indonesiano e malese, ma se chiedete del frutto del serpente vi capiranno ugualmente perché la sua buccia esterna, dai disegni perfetti e geometrici, ricorda effettivamente la pelle del serpente. A forma di goccia panciuta, dentro è a spicchi, tre per essere precisi e a me ricorda l’ananas e il miele con un tocco di agrumato. Pare abbia incredibili proprietà antiossidanti, perfetto contro l’invecchiamento e valido aiuto per la rigenerazione cellulare e la depurazione dell’organismo…i banchi dei mercati in Indonesia ne sono carichi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: