Napoli. Riccia, frolla o Santarosa?

Una suora in un convento del 600 sulla costiera amalfitana, un avanzo di semola cotta nel latte, poche gocce di liquore al limone e frutta dell’orto. Come si fa a resistere ad un dolce nato per caso con una storia così?

Ricce o frolle, le sfogliatelle valgono da sole un viaggio a Napoli. Quelle fedeli alla ricetta più antica sono da Pintauro, in via Toledo dal 1785, ma vale la pena assaggiarle un po’ ovunque e decidere qual è quella che vi piace di più. Potreste trovarla a Spaccanapoli tra antichi palazzi e vecchi portoni, passeggiando per le strette viuzze e la via dei presepi. O tradirla per un babà e una fetta di pastiera da Scaturchio, in piazza San Domenico. Provate il ministeriale, il cioccolatino fondente dalla ricetta segreta. Arrivi sotto le finestre del conservatorio di musica San Pietro a Majella e mentre il cioccolato si scioglie e senti il ripieno cremoso al liquore, ti godi un concerto dal vivo.

Perché Napoli? Perché è di una bellezza commovente e ti ritrovi nella Cappella di San Severo dove il Cristo Velato ti lascia senza parole e resti incantato, tu che in fondo di arte ne capisci davvero poco, a studiare i dettagli della rete del Disinganno o della Pudicizia Velata.

Perché nel caos delle strade e dei mercati dove ti diverti a tradurre le urla tra una bancarella e l’altra, scopri luoghi dove il silenzio è sacro, come il monastero di Santa Chiara E ti perdi nel chiostro col suo giardino e le maioliche verdi, gialle e blu.

Perché Napoli è fantasia, arte e colore e a Chiaia, oltre ai brand noti ovunque, esistono ancora atelier e botteghe deliziosi. Scarpe, maglie e borse artigianali. E perché proprio all’inizio di via Chiaia c’è il Gambrinus, uno dei caffè storici di Napoli, il mio preferito. Caffè profumato, bollente. Puoi fare un giro in piazza Plebiscito e scendere fino al mare per goderti il golfo e il Vesuvio. O raggiungere Castel dell’Ovo con il vento a mille tra i capelli. Oppure prendere la funicolare e salire al Vomero passeggiando con un “cuoppo” di fritti appena fatti.

Perché Napoli? Perché è uno spettacolo a cielo aperto e io ho già in mente di riandarci. Forse per un tour nella Napoli sotterranea o una visita  al museo di Capodimonte. O magari per seguire le tracce della sfogliatella originaria, la Santarosa, con la crema pasticcera e le amarene sciroppate, da Napoli sino a Conca dei Marini in costiera…

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: