Razmataz. Tutta colpa del cuzzagno

“Vi piace il cuzzagno?” – Iniziamo così al Razmataz con Silvio che ci chiede se vogliamo la parte finale della pagnotta, il cuzzagno appunto. “A molti non piace” – ci dice Silvio – “fa poco chic ma io ci vado matto”. Ci vado matta anch’io, da bambina lo rubavo sempre dal cestino del pane, e già…

Lisbona. Chiado. Largo Camoes. Blues di inizio giornata

  Sferraglia lento il tram 28 e stamattina lo senti prima di vederlo perché sono appena le sette e per strada e in piazza non c’è ancora nessuno. Pessoa seduto al suo tavolo al Brasileira è solo. Sembra che stia ad osservare le facciate dei palazzi ricoperti da azulejos. A breve inizierà la fila di…

#viagginpoltrona. Simonetta Agnello Hornby

  Le poltrone sono due. Una è quella del treno Fiumicino-Termini sul quale ho incontrato lei, Simonetta Agnello Hornby. Così come me la immaginavo: diretta, pochi fronzoli, sguardo acuto a cui non sfugge niente. Una palermitana che, trasferitasi a Londra, si è messa a fare l’avvocato in un quartiere di immigrati e ha creato Hornby…

Lisbona. Io, Marta e Belém

Marta vive e lavora a Lisbona. Ha 20 anni, forse neppure, la pelle pulita e gli occhi freschi. Guida decisa un’Ape rossa e bianca per le strade del quartiere di Belém. Mi dice che studia Relazioni Internazionali all’Università di Lisbona e che per arrotondare accompagna i turisti come me dalla Torre di Belém, coi suoi…

Castroni. Perché te lo dice nonna

Quando nonna mandava mamma a comprare il caffè macinato e la pizza calda c’era sempre un soldino per gli zuccherini colorati. Da Castroni ce ne erano bocce piene, panciute ed eleganti. A Roma dal 1932, oggi Castroni ha 12 punti vendita in tutta la città. Il primo l’hanno aperto in via Cola di Rienzo, quando il fondatore,…

Roma. Mercato Centrale. Perché la bontà è cosa elementare

I carciofi al Mercato Centrale di Roma “cantano”. Grossi e succosi, al banco loro dedicato, li trovi alla Giudia, croccanti, che stacchi le foglie e sembrano patatine, o in umido con l’aglio, il prezzemolo e la mentuccia come li faceva nonna mia. Ci stanno pure sottili sottili tagliati per lungo, a carpaccio, una delizia. Allo stesso…

La ladra del Guardian. Accade a Londra, accade a Stratford

Ha fatto impazzire per settimane l’intero vicinato. Alla scuola elementare di Stratford, Londra, non si parlava d’altro se non del “ladro del Guardian”: ben cinque copie del quotidiano inglese che ogni mattina, all’alba, venivano lasciate davanti l’ingresso della scuola e che, sistematicamente, scomparivano. Alle copie del giornale si sono presto aggiunte coppie complete di calzature,…