Piazzetta Ecce Homo. Perché la bellezza è cosa utile

C’era solo spazzatura. Un immondezzaio a cielo aperto a Ballarò, Palermo, due passi da Casa Professa, la Chiesa del Gesù, la massima espressione del barocco, un gioiello.

Perché Palermo è così, sublime e grottesca. In un continuo alternarsi di bellezza e oscenità. Ci si abitua.

Poi, a maggio, in quell’angolo di pattume ci hanno sistemato fioriere e pedane del vicino mercato di Ballarò che, dipinte, sono diventate panchine colorate. Sui muri gli street artist Gio Pistone e Mangiatori di Patate hanno creato dal nulla bellissimi murales. L’angolo è diventato slargo. La piazzetta Ecce Homo è sgusciata fuori per incanto: bella, sfacciata, forte, viva. Col mercato alle spalle che racconta l’unicità e la tipicità della Sicilia e il gioiello Casa Professa poco più in là.

Perché la bellezza non è cosa inutile e al brutto Palermo non si vuole abituare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: