Valencia. Fiumi verdi e gatti al guinzaglio

Pensavo di aver capito male.

Di  vecchi stabilimenti e quartieri fatiscenti, oggi luogo di aggregazione e polo d’arte, ne ho scoperti e visitati tanti in giro per il mondo. Strade ferrate trasformate in piste ciclabili, luoghi destinati all’oblio che si reinventano e cambiano pelle generando nuova bellezza.

Eppure Valencia mi ha lasciato senza parole: qui le cose le hanno fatte davvero in grande e il restyling ha interessato un intero fiume, il Turia, che prima attraversava il cuore della città.

A ogni piena ansia e preoccupazione che l’acqua potesse far danno aumentavano. Nel 1957, con la “gran riada”, l’alluvione di cui ogni valenziano ha memoria, i danni a cose e soprattutto, ahimè, a persone ci furono  e furono ingenti e così, finalmente, negli anni 60, si decise di deviare il Turia prosciugandone il letto.

 

 

Inizialmente si pensò a costruirci sopra autostrade e nuovi assi viari e solo nel 1986 vinse l’idea illuminata di trasformare l’antico alveo nel più grande giardino urbano di Spagna.

Detta così rende poco l’idea: occorre percorrerli i 9 chilometri interessati per comprendere la portata del cambiamento. 110 ettari di verde aperti al pubblico e del tutto gratuiti che si alternano a fontane, piste ciclabili, campi da golf, aree picnic.

C’è spazio per tutti: c’è chi corre, chi fa yoga, un gruppo che improvvisa un concerto di tamburi, persino un gatto al guinzaglio che va a passeggio coi padroni. Sì, avete capito bene, un gatto al guinzaglio…

Giardini di Turia. Un gatto al guinzaglio
Giardini di Turia

E poi ancora un parco gioco per i più piccoli dove decine di “lillipuziani” prendono d’assalto un grande Gulliver con scivoli, corde e percorsi segreti; il prestigioso Palazzo de la Musica, centro musicale inaugurato nel 1987, oggi sede dell’orchestra  di Valencia, con la sua cupola di vetro e gli alberi di arancia; un ponte rinascimentale, il Puente del Mar con le sue edicole che ospitano le statue della Vergine Maria  e di San Pascual Baylon e, infine, a sud del centro storico, la Città delle Arti e delle Scienze.

Tutti ne parlano da tempo, ovunque ne troverete immagini ma niente vi preparerà allo stupore e alla meraviglia. Città nella città, complesso dalle ardite architetture, qui il verde lascia posto al bianco accecante delle strutture e all’azzurro dell’acqua nelle enormi vasche e fontane.

Sarei rimasta ore ad osservare archi ed angoli che sfidano la gravità chiedendomi come ciò fosse possibile e soprattutto chi avesse partorito tale audacia. Prima firma, indelebile direi, quella del grande e controverso Calatrava che ovunque crei, lascia una scia di polemiche ed innegabili grazia e meraviglia.

 

 

Il Palau de les Arts Reina Sofia, l’Hemisferic, il museo delle Scienze Principe Felipe, il parco oceanografico, l’Umbracle, l’Agora, ogni edificio vi lascerà a bocca aperta. Godetevi lo spettacolo, magari con una horchata fresca, la tipica bevanda a base del tubero che da queste parti viene coltivato, la chufa. Proprio davanti il museo delle Scienze dovreste trovare un baracchino che la vende. Affittate un segway o una bici. Oppure fate come me: cercate un posticino al sole ed osservate.

Fiumi verdi, gatti al guinzaglio e città bianche non capitano tutti i giorni.

Un commento su “Valencia. Fiumi verdi e gatti al guinzaglio

  1. Pingback: Di fideuà e agua de Valencia – viaggimperfetti.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: