Categoria: Uncategorized

Peggy Guggenheim. Un quadro al giorno a Dorsoduro

Come sarebbe vivere circondati dalla bellezza? Prendere un caffè in casa propria davanti un Picasso, andare a letto ammirando un Dalì. Me lo chiedo osservando le foto di Peggy Guggenheim, nella sua casa, oggi museo, a Venezia. Arrivarci è già un viaggio e un’avventura:…

Guatemala/Belize con Nicoletta. Parte prima

  Lei è Nicoletta Poggi, un’amica di “casa” viaggimperfetti.com. Con lei abbiamo scoperto il grande Nord e vissuto l’emozione di un’aurora boreale. Stavolta Nicoletta ci porta in luoghi dai ritmi e dai colori assai diversi, Guatemala e Belize: Antigua e la sua “silenziosa e…

Yoga a Bali. Imparate a sorridere

            Putu Purnama, durante la sua lezione di Hatha Yoga ci invita a sorridere, a sorridere tanto, anche senza un motivo apparente. E a ridere a crepapelle, tutte le volte che si può. Mi piace la sua semplicità. Sembra…

Bacaro Risorto. Torno sempre qui

Appena una manciata di posti a sedere e un bancone dove scambiare due chiacchiere con l’oste e bere un’ombra gustando un paio di chicheti. E’ il Bacaro Risorto, Castello 4700, Fondamenta Osmarin, una delle mie mete irrinunciabili a Venezia. Il rito dell’aperitivo qui è…

Mandrarossa. Di vino, parole e persone

Prima che dei loro sapore e profumo, mi sono innamorata dei loro nomi. Urra di Mare, Cava di Serpe, Timpe Rosse. Evocativi, carattere asciutto ma elegante, su etichetta essenziale e bottiglia panciuta, i vini Mandrarossa mi hanno conquistata così: portandomi, a suon di lettere, in una…

Monastero di S.Placido Calonerò. Di Faro Doc e di fantasmi tra i banchi di scuola

Accanto ai due chiostri del Monastero di San Placido Calonerò ci sono aule e cattedre. Se ti guardi in giro noti il programma del campionato di calcetto e la campanella accanto l’orologio della scuola. La biblioteca a disposizione degli studenti era un tempo il refettorio…

Isola della Cona. Dove la terra incontra l’acqua

Terra d’acqua e di luce. Isole e canali, velme, mote e barene. Qui la natura è di casa e l’uomo solo un ospite. La chiamano la Camargue italiana:  aironi e silenzio, vecchi casoni dei pescatori  e trattorie antiche tra i canneti dove gustare ancora…